content top
Successo per la 37° edizione

Successo per la 37° edizione

fiera bilancio 4Un successo sotto tutti i punti di vista per una edizione senz’altro da ricordare. La 37° della Fiera Agricola Mugellana, che si presentava con numerose novità rispetto alla precedente edizioni, ha visto Borgo San Lorenzo invasa per quattro giorni da visitatori e addetti ai lavori provenienti non solo dalla Toscana.

Un fiume di gente (diverse decine di migliaia gli spettatori nei quattro giorni), specialmente nella giornata di sabato, ma anche domenica malgrado il gran caldo e la concomitanza di eventi, che non ha voluto mancare l’occasione di vedere gli ultimi ritrovati del mondo agricolo, i tanti e bellissimi animali presenti in fiera o gustare gli ottimi prodotti del territorio. Particolarmente apprezzato, e suggestivo anche da un punto di vista visivo, il coinvolgimento del centro storico, con la sfilata dei vincitori del concorso che, scortati da un colorato cordone e dalle numerose iniziative organizzate dai commercianti del CCN “Nel Borgo”, hanno attraversato le vie principali per poi raggiungere il municipio. Come di rilievo sono stati i vari convegni tecnici nel corso della manifestazione, gli spettacoli di cavalli, le dimostrazioni che hanno coinvolto anche i più piccoli.  Ma anche l’impegno delle scuole superiori del territorio e la maggiore organizzazione e divisione in settori della Fiera, che ha reso più facile trovare, uno a fianco dell’altro, le varie tipologie merceologiche. Una bella occasione, dunque, anche per fare il punto sulla situazione dell’agricoltura e dell’allevamento del territorio, sempre più strutturato e basato sulla qualità e sullo sviluppo che possa garantire un futuro e il ricambio generazionale del settore.

Un successo che nasce grazie ad un fondamentale lavoro di squadra che ha visto insieme l’Amministrazione Comunale, allevatori, le associazioni di categoria (Arat, Coldiretti, Cia, Unione, Anacli, Arci Caccia e Federcaccia), il cantiere comunale e gli uffici oltre al coordinamento di Start: tanti attori, come necessita una manifestazione del genere, per una manifestazione divenuta, per storicità, qualità, organizzazione e presenze, una delle principali del centro Italia.

“Innovazione e tradizione in ogni settore dall’organizzazione alle proposte, dice il sindaco di Borgo San Lorenzo, Paolo Omoboni. Con questa scommessa abbiamo dato vita alla 37° edizionefiera bilancio 1della Fiera Agricola nel segno dell’attenzione all’allevamento e all’agricoltura; nuovi spazi e una riorganizzazione che ha permesso una maggiore visibilità proprio dei protagonisti assoluti della manifestazione, gli animali e il km 0. Una scommessa vinta sotto tanti punti di vista grazie alla collaborazione di tutti i soggetti coinvolti dall’A.I.A. all’A.R.A. Toscana, fino agli organizzatori di convegni e eventi. Grazie quindi a tutti coloro che hanno contribuito a questo nuovo successo. Già da oggi siamo al lavoro sulle criticità emerse e sui punti di forza evidenziati per dare vita alla prossima 38° edizione”.

“Soltanto lavorando insieme, Amministrazione e le varie componenti che animano questo evento, spiega il vicesindaco ed assessore alle attività produttive ed agricoltura, Enrico Paoli, si riesce a mantenere, ed anzi, far crescere, un evento di questa portata. E di questo devo ringraziare i vari soggetti che non si accontentano di fare il classico compitino, ma appaiono dinamici e propositivi. Un’occasione importante anche per far scoprire, conoscere e apprezzare il mondo dell’agricoltura e dell’allevamento alle giovani generazioni, che non devono perdere il loro contatto con le proprie radici e con la terra. L’appuntamento è alla prossima edizione per la quale stiamo già pensando ad ulteriori novità”.

“Mi fa piacere sottolineare, spiega il presidente nazionale A.I.A., nonché presidente dell’ARAT, Roberto Nocentini, il percorso fatto, con tante iniziative, tutte mirate a far conoscere l’eccellenza della zootecnia mugellana, ma non solo, visto le presenze da tutta Italia. Tutto questo con l’obiettivo di far prendere conoscenza ai consumatori dei vari aspetti della zootecnia, per far crescere l’idea che un acquisto consapevole, che garantisce l’origine e la tracciabilità del prodotto, è garanzia di qualità così come l’impegno per la ricerca dell’intero settore. Va segnalato anche il grande successo di pubblico, l’alta qualità di animali, con il meglio della Limousine italiana presente in fiera, ed il grande coordinamento con l’Amministrazione da subito attenta e collaborativa con le nostre richieste e suggerimenti”.

fiera bilancio 2

fiera bilancio 3